• Home
  • Recensioni
  • Blog
  • Il viaggio come esperienza di conoscenza e di crescita personale: Robert Charles Deri e "Luna Sheldon"

 

 

L’essere umano, fin dalle sue origini, non ha potuto fare a meno di viaggiare. Inizialmente percorreva grandi distanze per ragioni di sopravvivenza legate al bisogno di cibo e a migliori condizioni di vita in seguito, nel corso dei millenni, ha iniziato a spostarsi anche per conoscereconquistare, scoprire e per entrare in contatto con altre civiltà e culture. Il viaggio è vita per l’uomo e la stessa vita è un viaggio, un percorso che tutti compiamo nel corso della nostra esistenza. Autori come Omero, Virgilio e molti altri, attraverso il racconto metaforico, hanno definito il nostro bisogno di viaggiare come un qualcosa che fa parte di noi e che rappresenta anche un cammino di formazione interiore, di autoconsapevolezza e arricchimento personale. 

Lo stesso Dante Alighieri, nel ventiseiesimo canto dell’Inferno, riferendosi ai grandi condottieri e viaggiatori del passato, scrisse: “fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”. Roberto Carlo Deri, antropologo, scrittore, insegnante e educatore, nel suo ultimo libro Luna Sheldon, ha centrato in pieno il significato del viaggio come esperienza di conoscenza e di crescita personale cogliendone il profondo valore pedagogico. Luna Sheldon è un’adolescente americana di quattordici anni, molto curiosa e brillante che decide di mettersi in cammino, verso terre lontane e sconosciute, per ritrovare i propri genitori misteriosamente scomparsi durante una missione di lavoro. La ragazza, insieme ai suoi amici, nel corso della sua avventura, sullo sfondo di paesaggi incantati di una bellezza mozzafiato, in una dimensione sovrumana quasi ultrasensoriale, incontrerà strane creature e vivrà emozioni ed esperienze fantastiche, talmente intense, che rimarranno per sempre impresse nella propria mente e in quella dei suoi compagni. Il libro è scritto con un linguaggio elegante e nello stesso tempo adeguato ai giovani ma, per la ricchezza dei contenuti, la descrizione dei luoghi, dei personaggi e dei loro stati d’animo, è sicuramente un romanzo adatto a un pubblico più vasto e di ogni età. Luna Sheldon ha anche il pregio di essere un romanzo d’avventura, colpi di scena, e suspense in grado suscitare emozioni e liberare la fantasia, oggi giorno essenziali, per il benessere emotivo e psicologico degli adulti e dei nostri ragazzi.

 

 

 


 

Maria Torresani è una filosofa pedagogista esperta di educazione ambientale, diritti umani, diversità culturale e cinematografia, coordina la redazione della Settimana Unesco sullo Sviluppo Sostenibile ed è referente del Programma Man and Biosphere delle Riserve della Biosfera italiane. Nell’ambito della sua esperienza presso Il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare si è occupata della formazione alla sostenibilità dei docenti delle scuole superiori ed ha coordinato la rete LABNT dei laboratori italiani di educazione ambientale. Ha scritto pubblicazioni sul Volume della Relazione sullo stato dell’ambiente e, per la Campagna DESS Unesco, ha realizzato le seguenti pubblicazioni: “Madre terra: alimentazione, agricoltura ed ecosistema” e “ I paesaggi della bellezza dalla valorizzazione alla creatività”. Sulla Rivista cinematografica “Amazing Cinema” ha scritto le recensioni dei seguenti film: Il segreto del suo volto, The search, Blackhat,, La terra dei santi, Latin Lover, Ho ucciso Napoleone e La scelta.