• Home
  • News
  • Blog
  • Nel 2015 in Italia si è letto di più - i (confortanti) dati Istat

Nel 2015 in Italia si è letto di più - i (confortanti) dati Istat

Con il nuovo anno arrivano puntuali i rapporti Istat a dare un bilancio in numeri di quello che è stato il 2015.

 

Istat 1

  

Per quanto riguarda la lettura di libri in Italia (nell’analisi non vengono presi in considerazione gli e-book) arriva finalmente il tanto sospirato segno positivo. La ripresa è timida, ci dobbiamo accontentare di un +1,7% rispetto al 2014, ma dopo due anni finalmente i dati della lettura in Italia tornano a crescere.

 

Istat

 

La domanda agli italiani è sempre la stessa, se hanno letto nei precedenti 12 mesi almeno 1 libro non scolastico. La percentuale dei sì è passata dal 41, 5% del 2014 al 42% , recuperando così 412 mila lettori, quel prezioso 1,7%. L’Italia rimane però sempre molto indietro rispetto agli indici di lettura degli altri paesi europei dato che a leggere almeno un libro non scolastico durante l’anno passato è stata meno della metà della popolazione sopra i 6 anni.

Il recupero dei lettori è avvenuto soprattutto nella fascia di quelli occasionali, che leggono in media un libro ogni 4 mesi, in crescita dell’1,7% rispetto al 2014, e di quelli medi, che leggono dai 4 agli 11 libri l’anno, un +3,1%. In calo invece proprio i lettori forti (più di un libro al mese) che scendono dal 14,3% del 2014 al 13,7 del 2015: è probabile che questo -2,5% di lettori non abbia smesso semplicemente di leggere ma che abbia scelto nuove forme di lettura (e-book ad esempio) o comunque di consumo culturale nel proprio tempo libero.

Dal 2011 al 2013 si erano persi ben 2,4 milioni di lettori di libri di carta, questa inversione di tendenza è quindi comunque un dato molto positivo. Un segnale che fa ben sperare sulla fine della fase recessiva del settore editoriale, che deve cogliere il momento, recuperare il terreno perduto e imparare a conoscere il nuovo contesto in cui è immerso: le aspettative, i comportamenti, le capacità di spesa e quelle nell’utilizzo delle nuove tecnologie sono molto cambiate rispetto al panorama del 2010.