• Home
  • News
  • Blog
  • A Suzzara la X edizione del NebbiaGialla Noir Festival

A Suzzara la X edizione del NebbiaGialla Noir Festival

Per chi ama le atmosfere intriganti e misteriose della letteratura noir, un appuntamento da non perdere: NebbiaGialla Suzzara Noir Festival, dal 29 al 31 gennaio a Suzzara, in provincia di Mantova.

 

logo10anni1

 

Si riaprono le porte del festival dedicato al giallo, giunto alla sua X edizione. Dal febbraio 2007 il NebbiaGialla Suzzara Noir Festival è diventato l’appuntamento di riferimento per gli scrittori crime italiani e una realtà sempre più importante a livello nazionale, non solo per gli autori ma anche per i migliaia di appassionati lettori che giungono da ogni parte d’Italia.

La kermesse nasce dall’idea del giornalista e scrittore Paolo Roversi, direttore artistico della manifestazione, e grazie all’aiuto dell’Istituzione Città di Suzzara. Presentazioni, tavole rotonde, workshop di scrittura creativa, aperitivi e pranzi, tre giorni all’insegna del giallo nella suggestiva cornice “nebbiosa” e familiare di Suzzara, dove gli autori potranno avere un contatto diretto col pubblico, raccontare di sé e della propria scrittura.

Saranno 34 scrittori a intervenire nell’evento. A inaugurare il festival il giallista belga Pieter Aspe. Tra gli altri ospiti internazionali le due scrittrici tedesche Melanie Raabe e Simone Buchholz e lo svizzero Linus Reichlin. Fra gli ospiti d’eccellenza Roberto Costantini, Massimo Carlotto, e Maurizio de Giovanni.

 

Festival-Noir 2

 

Al lato della tre giorni saranno premiati i vincitori del Premio NebbiaGialla 2016 per i romanzi gialli inediti e verrà aperto il bando per la sezione editi del concorso di letteratura noir e poliziesca. I vincitori di quest’ultima categoria saranno premiati a settembre 2016 con l’assegnazione di un’opera d’arte realizzata da un importante artista contemporaneo.

“Suzzara per tre giorni all’anno diventa la capitale italiana del noir” dichiara l’ideatore Paolo Roversi “un festival all’insegna della valorizzazione della dimensione umana. Gli autori sono fra la gente, si possono riconoscere dalla sciarpa, li vedi passeggiare per il paese o prendere il caffè e puoi avvicinarti e parlargli. E anche dopo dibattiti accesi, quando ci si mette a tavola tutti gli autori si mettono d’accordo. Davanti ad un piatto di tortelli e un bicchiere di lambrusco torna il sereno”.

 

Festival-Noir 1

 

Trovi l'intero programma della manifestazione qui.